L’indirizzo URL: consigli pratici per creare una struttura perfetta e Seo-friendly

Leave a comment

Può sembrare banale come argomento, ma realmente molti utenti digitano un indirizzo internet nella barra di ricerca del proprio browser in maniera automatica e tanti altri realizzano siti, blog e documenti web senza sapere cosa è un URL (Universal Resource Locator).

Un URL è un indirizzo con il quale si dice al browser esattamente dove si trova un particolare oggetto nella rete, consentendo così di indirizzare tutte le risorse presenti nella rete e di realizzarne la condivisione.
In altri termini, gli indirizzi URL sono gli elementi cruciali della navigazione nel World Wide Web.

A prima analisi un indirizzo URL può sembrare complicato, ma in realtà la sua struttura è chiara e logica, in quanto si compone di 4 parti:

http://www.realizzazionesitiinternetroma.com/….

tipodiprotocollo://nomedelserver.percorso/nomefile.estensione

 - tipodiprotocollo:// è il tipo di protocollo di traferimento di un ipertesto, che indica al browser in quale linguaggio o formato è scritta il tipo di risorsa che si sta per richiamare.
http” è il protocollo più usato dal browser per richieder un file ad un server web; molti browser accettano anche anche la URL anche senza “http”, ma si tratta solo di un’abbreviazione;

- nomedelserver (www…), è il nome simbolico del server (HOST) a cui ci si collega e che contiene la risorsa richiesta;

- percorso per raggiungere il singolo documento ricercato;

- nomefile.estensione, è il nome del file che si trova nel server e che vogliamo ci venga inviato.

Un URL può puntare a un’altra zona della propria pagina web, ad una pagina dello stesso sito o blog ma diversa da quella corrente o ad una risorsa web remota.

Quando si creano delle pagine web, queste avranno un loro URL univoco, cioè un loro indirizzo che permette a qualsiasi utente di trovare la pagina e di esaminarne il contenuto.

Perché ottimizzare la struttura di un URL?

Google è in grado di scansionare qualsiasi tipo URL, anche quelle dalla struttura più complessa, ma i visitatori di un sito o blog, potrebbero rimanere confusi da Url poco comprensibile e difficile da ricordare, soprattutto se contiene molte variabili e caratteri speciali, perciò:

CREARE UNA STRUTTURA DI URL COMFORME ALLE INDICAZIONI DI GOOGLE

Alcuni utenti potrebbero anche utilizzare l’URL come anchor text (link) ad una data pagina e se l’indirizzo contenesse parole chiave fornirebbe agli utenti e ai motori di ricerca molte più informazioni sulla pagina.

CREARE URL AMICHEVOLI E FACILI DA USARE

Da non dimenticare, le parole che compongono l’URL sono la prima informazione che l’utente e i motori di ricerca ricevono in merito al contenuto della pagina (URL PARLANTE), e rappresentano parte del risultato derivante da una ricerca sul web, in quanto l’URL stesso compare sotto il titolo e lo snippet del documento, ed il suo testo viene evidenziato in grassetto quando corrisponde alla query di ricerca dell’utente.

query di ricerca

url parlante nel risultato di ricerca

Alcuni webmaster cercano di semplificare la struttura di un URL dinamico riscrivendo l’URL statico, ma questa tecnica se utilizzata non correttamente potrebbe causare problemi di scansione dei contenuti da parte degli spider.

URL DINAMICO

struttura URL dinamica

URL STATICO

struttura URL statica

Sicuramente un URL statico è meglio e più efficace di una URL dinamico, in quanto non è vero che Google non indicizza il secondo, ma sicuramente sarebbe meglio ridurre l’uso di parametri e soprattutto sarebbe bene evitare il REWRITE dell’URL per non incorrere nel rischio di generare contenuti duplicati.

Come impostare correttamente la struttura della Url?

- La struttura URL deve essere semplice, in grado di descrivere il contenuto della pagina con l’utilizzo di parole al posto di numeri, quando possibile.

- Evitare di scegliere nomi generici, usare poche parole che siano pertinenti e specifiche (keyword), in caso contrario si potrebbe infastidire gli utenti e ed i motori di ricerca, rischiando così di danneggiare il page rank della pagina.

- Se possibile utilizzare sempre le minuscole per rispettare le abitudini di navigazione degli utenti.

- Utilizzare i trattini per la punteggiatura se si utilizzano frasi con più parole.

- Utilizzare una struttura di directory delle cartelle che faciliti l’organizzazione dei contenuti e l’interpretazione degli utenti, consentendogli così di capire dove si trovano nel sito attraverso una semplice lettura del testo dell’URL (BREADCRUMB).

- Creare un indirizzo URL unico per singolo documento, al fine di evitare che gli utenti accedano allo stesso documento attraverso più URL ed eventualmente creare un reindirizzamento 301 all’indirizzo URL dominante o utilizzare l’elemento link “rel=canonical” se non si riesce ad implementare il redirect.

- Alcuni utenti potrebbero decidere di tagliare l’URL per indirizzarsi direttamente ad una determinata pagina del sito, i tal caso il sito dovrebbe essere comunque in grado di fornire contenuto o di restituire una pagina 404 (ERRORE) nel caso in cui la pagina ricercata non esistesse.

LA STRUTTURA DELL’URL E’ UNO DEGLI ELEMENTI PIU’ IMPORTANTI E BASILARI PER IL SEO

ma l’obiettivo principale nell’ottimizzazione deve essere sempre quello di realizzare un sito USER FRIENDLY per l’utente, al fine di migliorne l’esperienza di navigazione.

 

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>